DRESS CODE ROSSO SANGUE di Marina Di Guardo

Accarezzò quel volto nella foto, gli mandò un bacio, ormai era diventata un’abitudine. Non ti lascerò andare nell’ignonimia. Quella riflessione, sorta dentro di lei quando aveva rivisto il biglietto che Franco le aveva scritto, aveva il sapore di un feuilleton ottocentesco, ma in cuor suo, risuonò di forza e verità.
A letto, tirò il piumino fin sopra alla testa. Era una tiepida notte di primavera, ma il freddo non l’abbandonò fino al mattino.

Trama

Cecilia Carboni ha venticinque anni e per buona parte della vita si è ritrovata a seguire, suo malgrado, i diktat imposti dal padre Alberto, uno dei più quotati avvocati milanesi. Proprio per volere suo, si è laureata in Giurisprudenza e ha iniziato il praticantato nello studio legale di famiglia. Il suo futuro sembra già delineato, quando un giorno le viene rivolta una proposta allettante: lavorare nel prestigioso showroom di Franco Sartori, uno degli stilisti più celebri al mondo. Lei, da sempre appassionata di moda, per una volta non ha esitazioni, e sceglie di darsi finalmente la possibilità di decidere da sola della propria vita, senza tener conto del parere degli altri, compreso quello del fidanzato Andrea, avvocato a sua volta e collaboratore di Alberto. La scelta si rivela azzeccata: Cecilia è brava, chiude contratti importanti, tanto che brucia le tappe, fino ad assumere un ruolo di rilievo alla Maison Sartori, nonostante Georgette Lazare, direttrice dello showroom, le remi contro. Ma il destino ha in serbo per lei amare sorprese. Franco Sartori viene trovato assassinato in un cascinale in rovina. E chiuso in una custodia di seta dei suoi abiti da sera, ha una croce rovesciata incisa sul petto e, circostanza ancora più sconvolgente, il suo corpo è collocato dietro una sorta di altare allestito con gli inconfondibili elementi di una messa nera. Per Cecilia è l’inizio di una caduta verticale agli inferi. Sono le convulse settimane delle vendite primaverili, e lo showroom si popola non solo di clienti, ma anche di poliziotti, misteri, segreti insospettabili e purtroppo anche di nuove vittime, ancora in contesti inquietanti. Chi c’è dietro gli omicidi? E se fosse proprio Cecilia la prossima nella lista? L’abisso è pronto a inghiottirla, svelando verità che mai avrebbe immaginato. Con il suo nuovo thriller, Marina Di Guardo questa volta ci porta tra le mille luci (e ombre) del jet set milanese, dentro ai locali più esclusivi e ambigui della città della moda e giù in fondo al cuore, a volte nerissimo, dei suoi protagonisti.


Recensione

L’ambiente roboante, dinamico e abbacinante della moda non è affatto sconosciuto a Marina Di Guardo, brillante autrice di thriller con un rilevante trascorso come vicedirettrice di un importante showroom. L’autrice si serve della sua esperienza per regalare al lettore un vivace spaccato di vita tra le mura di un atelier, ove modelle filiformi si muovono sinuose tra i buyers e venditori poliglotti e multitasking conducono trattative e piazzano capi di abbigliamento sul mercato internazionale per cifre da capogiro.

La moda costruisce habitat polifonici, multicolore, frizzanti e per certi versi spietati. Perchè la moda, prima di essere apparenza, è sostanza, intrisa di lacrime, sudore, sacrificio, perfezione, sogno. La moda rappresenta la favola che sopravvive dentro agli uomini e alle donne, ecco perché deve rasentare un ideale di compiutezza, di meraviglia. E per questo ideale  si sacrifica tutto, tanto è forte il richiamo della bellezza.

In nome della bellezza si è pronti a sacrificare molto, a volte anche un ideale, a volte anche la propria pelle. Ma anche in nome della ricchezza, del potere si può sacrificare tutto, o quasi. Tutto, si, purchè si possa continuare a stare sulla breccia.

La storia di Cecilia è un po’ una storia così. Lei ha rinunciato al lavoro nel prestigioso studio del padre per inseguire il sogno un po’ irrazionale di lavorare nell’ambiente della moda. Il padre non glielo ha mai perdonato. La madre è assente, presa dalla sua vita inconsistente e superficiale.

Cecilia è sola e può contare solo sull’appoggio di un buon amico e del fidanzato, partner nello studio del padre, bello come un Dio ma con la tendenza a voler pilotare la vita di Cecilia. Il lavoro le dà grandi soddisfazioni, finchè una disgrazia si abbatte come un fulmine sull’atelier. Il piccolo mondo di Cecilia si sgretola. La rabbia, la delusione, il dolore della perdita saranno le molle che la spingeranno ad indagare in silenzio sulle morti inspiegabili e crudeli che si sono abbattute sulla casa di moda milanese.

Il romanzo è un thriller incalzante, disseminato di sangue e di morte. Irto di personaggi sospetti  e di misteri da sciogliere. In un crescendo di sconcertanti scoperte, Cecilia verrà a contatto con una realtà inaspettata, fino all’epilogo finale, che sconvolgerà molte nostre convinzioni.

Un gioco di specchi, un mix di apparenza e di sospetto che Marina Di Guardo conduce con sicurezza e grande spolvero di prosa, sempre brillante, accattivante e stimolante per il lettore, che si troverà senza volerlo a scandagliare la vita della protagonista e dei suoi colleghi, intrappolati nella morsa di un lavoro all’apparenza luccicante ma anche schiacciato dall’intransigenza della perfezione, che mai come in questo romanzo appare come un tiranno subdolo e inviso. L’autrice ci ha abituato a dei finali inaspettati e anche in questo suo ultimo lavoro non ci delude. Una grande sorpresa attende al varco il lettore, che vedrà disattese parecchie delle sue aspettative. La Di Guardo è brava a sviarci e a costruire illusioni a uso e consumo dell’inconsapevole lettore, costretto a passare, senza soluzione di continuità, dalla delusione alla presa di coscienza che le cose, come nella vita, raramente vanno come ci saremmo aspettati.


L’autrice

Marina Di Guardo è nata a Novara ma ha origini siciliane. Vive tra Cremona e Milano. Prima di dedicarsi alla scrittura, ha lavorato come vicedirettrice dello showroom di Blumarine. Ha esordito nella narrativa con il romanzo “L’inganno della seduzione”, poi seguito da “Non mi spezzi le ali”. Il passaggio definitivo al thriller risale al 2015, quando pubblica nella collana digitale Zoomfiltri di Feltrinelli, curata da Sergio Altieri, “Bambole gemelle” e “Frozen bodies”. Con Mondadori ha pubblicato “Com’è giusto che sia”(2017), “La memoria dei corpi”(2019) e “Nella buona e nella cativa sorte” (2020).


  • Casa Editrice: Mondadori
  • Genere: thriller
  • Pagine: 321